Realtà Virtuale e Wearable Device a sostegno del Retail

//Realtà Virtuale e Wearable Device a sostegno del Retail

Realtà Virtuale e Wearable Device a sostegno del Retail

By | 2018-01-21T20:09:52+00:00 dicembre 20th, 2017|Categories: Retail|Tags: , , , |

I cambiamenti derivanti dall’adozione di nuove tecnologie stanno colpendo diversi settori coinvolgendo sia i consumatori che i lavoratori, tanto che Realtà Virtuale e Wearable Device a sostegno del Retail non sono più un’eccezione. Questa trasformazione interessa le logiche di produzione dei prodotti, di advertising e di relazione con il cliente.

La Realtà Virtuale

Si stima che entro il 2020, il mercato della Realtà Virtuale porterà un giro di investimenti pari a 30 bilioni di dollari. Non è un caso se numerosi dei colossi tech, come Google e Samsung, ma anche di altri ambiti quali il New York Times, stanno scommettendo su questa tecnologia, puntando sullo sviluppo di software, hardware e contenuti.

Allo stesso modo, se applicata al mondo del lavoro nel settore Retail, può portare a dei cambiamenti interessanti.

  • Il Customer Service

Grazie all’adozione di soluzioni di Realtà Virtuale, dopo un investimento iniziale piuttosto elevato, le aziende potrebbero iniziare a trarre dei benefici economici importanti.

La VR, infatti, permetterebbe di dare ai clienti uno strumento con cui poter risolvere in piena autonomia alcuni problematiche ricorrenti o di facilitare il processo che guida all’acquisto.

Ad esempio, nel caso dell’acquisto di un mobile, il cliente potrebbe essere aiutato nella fase di montaggio grazie ad un breve video in Realtà Virtuale che gli mostra i passaggi che deve compiere per assemblarlo, come disporre correttamente i pezzi e come procedere, rendendo il processo molto più semplice e intuitivo rispetto a quello attuale.

I vantaggi non sono solo per il cliente, ma anche per gli stessi impiegati che, grazie a dei training in cui si utilizza la Realtà Aumentata, potrebbero imparare più velocemente e con maggiore efficacia come gestire alcune situazioni collegate al customer service.

  • Lo Sviluppo dei Prodotti

Alcune aziende, come Boeing, hanno già adottato soluzioni di VR per permettere uno sviluppo più veloce dei propri prodotti. Per gli ingegneri e i designer poter interagire con un modello virtuale del prodotto che stanno progettando è fondamentale per comprenderne meglio lo sviluppo.

Questo tipo di soluzione potrebbe essere utile per numerosi altri settori, come quello automobilistico, nei quali è necessaria la produzione di modelli in scala reale. Solitamente, il prototipo viene disegnato sul computer e poi riprodotto a grandezza naturale utilizzando, a seconda della necessità, il materiale considerato più adatto.

Grazie alla Realtà Virtuale, le aziende non dovrebbero più produrre i modelli in scala reale e, inoltre, chi sta lavorando al progetto potrebbe effettuare diverse prove al modello di studio, cambiando direttamente delle parti del prodotto e vedendo immediatamente quale sarebbe il risultato finale.

  • Nuove Forme di Advertising

Anche il settore dell’Advertising è in rapida evoluzione: grazie alla Realtà Virtuale è possibile creare contenuti nuovi, colpendo un segmento di audience specifico che è pronto per questo nuovo genere di comunicazione.

Questo genere di soluzione, potrebbe essere facilmente implementata su un canale, come YouTube, molto utilizzato per visualizzare video. Supportando, infatti, i visori per la Realtà Virtuale, sarebbe possibile inserire questo tipo di pubblicità all’inizio del filmato, immergendo subito l’utente in un mondo virtuale.

I Dispositivi Wearable

Le aziende Retail stanno sempre di più utilizzando la tecnologia dei dispositivi wearable per migliorare i processi interni e garantire la migliore Customer Experience possibile. Questi device, infatti, possono essere utilizzati in numerose attività.

  • I Tipi di Device

Quando si parla di dotare i lavoratori del settore Retail di dispositivi wearable, bisogna tenere in considerazione che con questi non si indicano solamente gli smartwach ma anche altri device quali smart glass, wearable cameras e wearable scanners, capaci di supportare gli addetti alla vendita in modalità differenti a seconda delle esigenze del cliente.

  • Comunicazione Veloce ed Efficiente

Dotare ti un dispositivo wearable il personale dello store fisico, gli consente di accedere velocemente alle informazioni, come la richiesta di disponibilità di un determinato prodotto in magazzino o la prenotazione di un articolo mancante. Il vantaggio è soprattutto a favore della Customer Experience: il cliente riceve velocemente un feedback dallo shop assistant il quale, allo stesso tempo, ha più tempo da dedicare ad altri possibili acquirenti.

  • Velocità e Conoscenza

La velocità con cui possono dare informazioni ai clienti o risolvere loro necessità è importante: le persone sono ormai abituate a comprare online ciò che desiderano e il processo è generalmente molto veloce. Ne consegue che, quando si recano presso un punto vendita, la velocità nel reperimento di informazioni o nella risoluzione di problemi gioca un ruolo importante nella decisione futura del cliente su un suo possibile ritorno presso quello store.

Un altro fattore importante è la conoscenza: in un mercato sempre più omnichannel il consumatore è un vero e proprio prosumer, informato molto bene sul prodotto che desidera acquistare. Si aspetta, dunque, di trovare di fronte a sé una persona altrettanto informata e, grazie ai wearable, è possibile dare supporto ai commessi che possono accedere facilmente alle informazioni.

Se, dunque, da una parte la Realtà Virtuale sta uscendo dal mondo dell’entertainment per trovare ampia applicazione soprattutto nella fase di progettazione di un prodotto o di assistenza al cliente, dall’altra i dispositivi wearable stanno ricoprendo un ruolo sempre più importante per garantire la migliore Customer Experience nello store.

Entrambe queste tecnologie stanno così cambiando il Retail sia a supporto degli impiegati che dei clienti e consumatori.

 

Sources: Forbes, Market Insider, Pixabay

About the Author: